Archivi tag: pomodoro

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: STRACOTTO DI MANZO CON POLENTA

L’appuntamento di questo mese

de “Quanti modi di fare e rifare”, non potevo

caene,polenta,pomodoro,cannella,secondi,cucina

perderlo per un motivo supervalidissimo.

Nella ricetta è prevista la polenta e questo

blog che si chiama “stegnat de polenta”

proprio in onore a questo alimento

povero ma strabuono non può

mancare all’appello.

Non mi dilungo troppo, la ricetta non ha bisogno

di tanti fronzoli è buona anzi superbuona

e lo stracotto è un piatto che al nord

non manca sulla tavola

in qualsiasi stagione.

Faccio solo un piccolo un piccolo appunto

sulla polenta la farina utlizzata a Bergamo è

il tipo Bramata che si trova facilmente

in Lombardia e Veneto ma credo che 

in qualsiasi supermercato ben fornito

si possa trovare.

Il l’ho rifatto a modo mio per la ricetta originale

vi rimando a Daniela

caene,polenta,pomodoro,cannella,secondi,cucina

 Ingredienti:

1kg e mezzo di carne il ho usato il cappello di prete

2 cipolla

2 carote

2 coste di sedano

2 spicchi di aglio

2 foglie di alloro

mezza stecca di cannella

4 chiodi di garofono

4 bacche di ginepro

vino nero

400 di polpa pronta

olio evo sale e pepe

Per la polenta

500 gr di farina gialla tipo bramata

2 litro di acqua

sale grosso

Procedimento:

Pulire le cipolle carote e coste di sedano e farle a pezzettini.

Praticare dei tagli nella carne e inserire l’aglio a pezzetini.

Far scaldare nella padella circa 4 cucchiai di olio e far

rosolare bene la carne.

Quindi aggiungere le verdure con i chiodi di garofano,

le bacche di ginepro schiacciate, la cannella e le foglie

di alloro e far cuocere per una decina di minuti salare e pepare.

Sfumare con un bicchiere grande di vino nero e aggiungre la

polpa di pomodoro e far cuocere a fuoco moderato per circa

tre ore aggiungendo all’occorenza del brodo vegetale.

Quando è pronta taglairla a fette.

La polenta:

Portare a ebollizione due litri di acqua salata quindi aggiungere

la farina mescolando bene con una frusta per non far formare grumi.

Quando la farina ha assorbito l’acqua continuare a mescolare ti tanto

in tanto con un cucchiaio di legno e cuocerla per circa 45 minuti,

o finchè non si stacca dalla pentola.

Porzionarla nei piatti e mettere sopra le fette di carne

con il sughetto.

caene,polenta,pomodoro,cannella,secondi,cucina

E’ un  piatto gustosissimo e perfetto per scaldare il cuore della

gente polenta e stracotto per la gente di pianura e di montagna

fa subito festa e gioia di vivere.

Grazie Daniela per averlo condiviso con noi!

Appuntamento al 6 dicembre un dolce

natalizio “Panpato o panpeto di Ferrara”

del blog di “Un castello in giardino”

caene,polenta,pomodoro,cannella,secondi,cucina

Appuntamento dunque al 6 dicembre!

Grazie a tutti per le voste gradite visite!

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: STRANGULA PRIEVET

Eccomi finalmente per l’appunto della

cucina dei quanti,

 

costine,pomodoro,ragù,carne,gnocchi 

mese scorso sono mancata

all’appuntamento causa impegni vari;

ma di fronte a codesta ricetta

non potevo mancare.

E’ una di quelle ricette che oltre ad

essere osannata dalla prosa

niente popodimeno da Eduardo De Filippo

è pure una bontà da non lasciarsi sfuggire.

La ricetta ci è gentilmente offerta da Spery

io nel mio piccolo l’ho rifatta tale e quale

riducendo le dosi per il ragù

ma per gli gnocchi mi sono fidata

da quelli che sono proposti da 2 generazioni

nella mia famiglia e che trovate qui.

costine,pomodoro,ragù,carne,gnocchi

Ingredienti  per il ragù:

3 costine di maiale
1 osso carnose di bovino
2 fette di bovino di spessore medio
1 litri di passato di pomodoro
3 cipolle
sale q.b
pepe q.b
1 spicchio d’aglio
prezzemolo q.b
parmigiano q.b
basilico q.b.
 olio evo

Procedimento:

Preparare gli involtini, ponendo nel centro

delle fettine di carne l’aglio, il prezzemolo.

Spolverizzare con un pizzico di parmigiano,

il sale e il pepe. Arrotolare le fettine su stesse

e chiuderle con uno stuzzicadenti.

Tagliare le cipolle sottili e porle in un tegame insieme all’olio.

Far soffriggere a fuoco medio.

Quando le cipolle si saranno imbiondite ben bene,

 eliminarle dall’olio e aggiungere i pezzi di carne.

Far rosolare la carne nell’olio e lasciar cuocere per circa trenta minuti,

mescolando ogni  tanto con un cucchiaio di legno.

A questo punto, aggiungere il passato di pomodoro e le cipolle

Salare, pepare e aggiungere mezzo cucchiaino di zucchero.

Quando il sugo inizierà a sobbollire, abbassare la fiamma al minimo

e lasciar andare per almeno 5 ore,

girando di tanto in tanto, in modo che il pomodoro

 non si attacchi sul fondo del tegame

Quindi cuocere gli gnocchi come da ricetta e condire

Spolverando con abbondante formaggio.

 

costine,pomodoro,ragù,carne,gnocchi 

Grazie Spery per la ricetta

Sono goduriosi e superlativi il ragù

Napoletano si sposa benissimo

anche con  gli gnocchi

bergamaschi pertanto gemellaggio riuscito

Alla prossima Luisa

Ophs! dimenticavo la prossima volta

saremo ospiti da:

Il laboratorio di mm skg

con la Bugatsa di Salonicco

costine,pomodoro,ragù,carne,gnocchi

PENNE RIGATE BENEDETTO CAVALIERI CON OLIVE CAPPERI E PREZZEMOLO

Ecco finalmente

la seconda ricetta di questo contest:

RICETTE ESTIVE LEGGERE –

PASTA INTEGRALE

BENEDETTO CAVALIERI

IN ACCESSORI FINGER FOOD

Per questa ricetta ho usato

la pasta integrale tipo penne rigate.

Il sugo è semplice senza tanti fronzoli,

un sugo che fa parte della tradizione

italiana come la pasta integrale.

E’ una comunque ricetta

molto personalizzata al gusto

della mia famiglia e mio vedi il prezzemolo

che metterei ovunque.

Una ricettina semplice, leggera

e veloce ricca di sapori

L’ ho presentata in minicoppette

e bicchieri finger food

inviatami da Atmosfera Italiana.

 

DSC02861 copia.jpg

 

Ingredienti:

250 gr di penne integrali

1 manciata di olive verdi tagliate ad anelli

1 manciata di olive nere tagliate ad anelli

1 cucchiaio di capperi dissalati

300 gr di passata di pomodoro

prezzemolo tritato

1 pezzetto di cipolla tagliata sottile

sale e pepe q.b.

olio evo

Procedimento:

in una padella far imbiondire la cipolla

con l’olio, quindi aggiungere le olive e i capperi.

Farli leggermente insaporire e

aggiungere la passata di pomodoro e

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

regolare di sale se necessario e mettete

un pizzico di pepe.

Quindi far cuocere per circa 20 minuti

o finché il sugo sia della giusta

densità.

Cuocere la pasta integrale in abbondante

acqua salata e condirla con il sugo

spolverare con prezzemolo fresco.

e se vi piace con del pecorino grattugiato

 

DSC02865 copia.jpg

con questa ricetta partecipo al contest

LOGO%20CONTEST%20pasta%20integrale%20cavalieri.jpg

a breve la terza ricetta

buona settimana Luisa