Archivi tag: zucchero

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: PANPAPATO DI FERRARA

Per l’appuntamento di dicembre per

“Quanti modi di fare e rifare”

definitivoPICCOLO

era d’obbligo il dolce

e dolce sia.

Un dolce buonissimo

che appartiene alla cultura tradizionale

italiana dei dolci natalizi.

Ci è stata regalato dal blog

“Un castello in giardino”

ed è il super buono panpepato di Ferrara

nel blog “Un castello in giardino”

trovate la ricetta originale e la

storia legata a questo dolce

sotto la mia interpretazione

e ho fatto due panpapati

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Ingredienti:

125 farina
100 g zucchero di canna
40 g cacao amaro in polvere
70 g mandorle tritate grossolanamente

25 g cedro candito a cubetti
25 g arancia candita cubetti
quattro- cinque ciliege candite tagliate in tre
5 cucchiaini di pisto o saporita misto spezie

  1 cucchiaino di lievito per dolci
caffè e latte q.b. (serve per amalgamare il tutto)
ho  usato una tazzina di caffè e 120 g di latte

Procedimento:

Si preparano canditi, la frutta secca e le spezie in una ciotola

 e si lasciano riposare un poco.
in una ciotola si mette la farina, il cacao in polvere,

 lo zucchero,

il lievito, si fa una fontana e all’interno del cratere

 si mette il composto con le spezie.

 Piano piano si aggiungono i liquidi, finché il composto

non diventa lavorabile ma non liquido.

Deve rimanere piuttosto secco.
Una volta pronto si divide e si dà la forma a cupoletta ad ogni pezzo,

mettendolo sulla placca da forno.
Infine si inforna per max 40  minuti a 160 °C.
Una volta freddo io l’ho spolverato di zucchero a velo

e posto una ciliegina candita sopra.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Super goloso! Un dolce da assaggiare!

Ed ora appuntamento al 6 gennaio con un Tiramisù

nella versione di Laly

dal blog “Le mille e una passione”

menu Laly tiramisu

Allora appuntamento al 6 gennaio con questo

favoloso dolce nella cucina di Laly

Luisa

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: BUGHATSA DOLCE DA SALONICCO

 

Anche questo mese nelle cucine dei quanti ricetta

definitivo.jpg

internazionale e per la precisione greca.

E’ un dolce buonissimo, nella mia

famiglia è andato a ruba,

Spery dice che in Grecia si mangia

per la colazione, ma io la trovo

adatta anche a fine pasto.

L’ho rifatta usando la pasta

sfoglia comprata perché non mi fido

a fare la pasta sfoglia;

inoltre ho messo dei canditi nella crema.

Nella ricetta  di Spery comunque trovato

ben spiegato anche il modo di fare

quella. La ricetta originale la trovate qui.

DSC03520 copia.jpg

 Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia

per la crema:

500 ml di latte

100 gr di zucchero

3 cucchiai di amido di mais o maizena

1 bustina di vanillina

2 tuorli

1 manciata di arancio e cedro candito a pezzettini

poco burro fuso

zucchero a velo e cannella in polvere

Procedimento:

per primo preparare la crema che deve

essere utilizzata fredda.

In una tazza di latte diluire i cucchiai

amido di mais.

In una terrina sbatte i tuorli.

Intanto versare il restante

latte in un pentolino, metterlo sul fuoco,

 aggiungere lo zucchero la vanillina e

il latte con l’amido di mais.

Quando inizia ad addensarsi, toglierlo

dal fuoco e unire mescolando i tuorli.

Rimettere sul fuoco e continuate a

mescolare finché non si è addensata.

Toglierla dal fuoco e farla raffreddare

coperta con della pellicola

per non fare formare la crosticina.

Quando ben fredda, unire il cedro

e l’arancio candito.

Quindi srotolare la pasta sfoglia

e mettere al centro la crema,

chiuderla formando un rettangolo.

Metterla sulla piastra del forno

coperta con carta forno,

lasciando la parte piegata sotto,

quindi spennellarla delicatamente

con del burro fuso e spruzzarla di acqua.

Metterla in forno caldo a 250° e abbassare

subito la temperatura a 230°.

Dopo 15 minuti abbassare di nuovo

a 200° e cuocere finché è dorata.

Toglierla dal forno e dopo circa

10 minuti cospargere con

zucchero a velo e cannella,

quindi tagliarla e servirla tiepida.

DSC03526 copia.jpg

A noi è piaciuta anche fredda,

appuntamento a mese prossimo

nel  blog di Antonella con la

deliziosa ricetta dei canederli verdi

canederliAntonella.JPG

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: GAMMALDAGS SOCKERBULLAR OSSIA BOMBOLONI AL FORNO

 

Questo mese le cucine dei quanti sono prese da

una ricetta svedese dal nome difficile

da leggere, ma basta assaggiarne uno che

 subito ci si innamora sia dalla bontà sia dalla

 facilità di realizzazione .

burro,uova,farina,zucchero,dolci,cucina

 La ricetta gentilmente tradotta da Anna e Ornella

è stata condivisa da Barbara dove potete

trovare la ricetta originale ;

io invece ho fatto metà dose

impastando manualmente

e riempiti con della crema pasticcera.

DSC03322 copia.jpg

Ingredienti

preimpasto:

250 gr di latte

1 bustina di lievito di birra secco

12,5 gr di zucchero

100 gr di farina 0

200 gr di farina 00

sciogliere il lievito nel latte intiepidito.

In una terrina mischiare le due farine e lo zucchero,

quindi aggiungere il latte e impastare e batterlo sulla

spianatoia fino ad ottenere un impasto morbido,

ci vorranno circa 15 minuti, quindi far lievitate

per circa 1ora e mezza coperto e al riparo

dalle correnti d’aria.

 Intanto preparare la crema pasticcera:

 250 gr di latte

 2 tuorli d’uovo

 80 gr di zucchero

 2 cucchiai di amido di mais

 Procedimento:

 in tegamini d’acciaio montare i tuorli con lo

 zucchero , quindi aggiungere l’amido di mais

 amalgamarlo per bene e aggiungere il latte tiepido.

 Porre il tegamino sul fuoco e portare a ebollizione

 a fuoco dolce sempre mescolando,

 quindi spegnere e far raffreddare

 Impasto finale:

 tutto il preimpasto

 100 gr di burro

 75 gr di zucchero

 15 gr di zucchero a velo

 2 tuorli d’uovo

 100 gr di farina 0

 200 gr di farina 00

 Procedimento:

 in una capiente ciotola mettere tutti gli ingredienti

 tranne il burro e impastare per almeno 10 minuti.

 Quindi unire il burro a pezzetti e continuare

 a impastate, senza mai aggiungere altra farina

 anche se all’inizio vi sembrerà tutto appiccicoso,

 finché non otterrete un impasto morbido e bello liscio,

 ci vorranno circa 15 minuti.

 Quindi fate di nuovo lievitare coperta per una mezz’oretta.

 Dividere ora l’impasto in porzioni da circa 60 gr.

 Schiacciateli nel palmo della mano per farvi

 una piccola cavità in cui mettere 1 cucchiaio

 di crema pasticcera chiudete i bordi arrotolando come

 a formare una pallina.

 Disporre le palline sulla placca del forno coperta

 con carta forno e cuocere in forno caldo a 250°

 per 5 minuti quindi altri 5 minuti a 220°

 io ho usato la modalità ventilato.

 Appena sformati pennellarli con burro fuso

 e cospargere con zucchero con  velo.

DSC03325 copia.jpg

 Deliziosi e golosi appena sformati

 sono irresistibili.

 Mese prossimo saremo ospiti da Francesca

 con la pastiera di maccheroni

pastieraFrancesca.JPG

Alla prossima golosa ricetta!