Archivi tag: farina

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE: LE PUCCETTE PUGLIESI

Seguo da un po’ di tempo questo
Appuntamento mensile ideato da
Ornella e da Anna.
Dopo un tanti tentennamenti finalmente
ho deciso di prender parte anch’io a questa iniziativa
dal nome “Quanti modi di fare e rifare”

farina, patate, pane, cucina, lievito
L’idea di vedere la stessa ricetta realizzata
da più persone è qualcosa di stupefacente
per me; ogni partecipante aggiunge
sempre qualcosa di nuovo creando
sempre piatti unici seppur con gli
stessi ingredienti.
La ricetta scelta per questo mese è:
le puccette pugliesi di Vale.
Un tipo di pane straordinario sia
nei sapori che nella morbidezza.
Non avendo problemi di intolleranza
ho fatto la ricetta glutinosa
seguendo la sua ricetta
e profumandole metà al rosmarino
che si sposa molto bene con le patate
che fanno parte degli ingredienti.

farina, patate, pane, cucina, lievito

La ricetta di Vale la trovate qui

Ingredienti:
 500gr di farina 0
1 bustina di lievito secco
250 gr di patate
5 g. sale
 280/300 gr di acqua cmq quanta ne serve
1 cucchiaio e12 olio evo
1 cucchiaino zucchero
1 manciata di rosmarino tritato.
Procedimento:
Mettere il ldb in un bicchiere, aggiungere un pochino di acqua ed
1 cucchiaino di zucchero, mescolare e lasciar riposare
fin quando non forma una “schiumetta” in superficie
In una ciotola versare la farina, fare una fontana al centro
mettere le patate schiacciate, l’olio ed infine il lievito
e impastare aggiungendo l’acqua necessaria
per ottenere un impasto morbido aggiungendo
a metà impasto anche il sale.
Quando avete ottenuto l’impasto morbido e liscio
lasciarlo lievitare fino al raddoppio,
in una ciotola unta di olio e in
posto tiepido.
Quando è raddoppiato dividerlo a metà,
ad una metà aggiungere il rosmarino
impastandolo leggermente per farlo
incorporalo e procedere
poi alla formazione di palline
dalla dimensione che più vi piace.
Con l’altra metà dell’impasto fare
sempre delle palline dalla dimensione
che riterrete opportuno.
Metterle sulla placca da forno coperta
con carta forno e lasciare
di nuovo lievitare per 45 minuti.
Quindi infornare a 210° forno ventilato
per circa 30 minuti o finché non sono dorate.

farina, patate, pane, cucina, lievito

Con queste dosi mi sono venute 10 puccette
5 come da ricetta e 5 profumate al rosmarino.
Son talmente buone che sono andate a ruba.

Mese prossimo saremo da “Pane burro e alici”
per la ricetta
MINI CIAMBELLINE DEMODE CON GIULEBBE
 

farina,patate,pane,cucina,lievito

FOCACCIA AL ROSMARINO E OLIVE

Finalmente oggi posto una ricettina!
Non vi aspettate chissà che.
Già qui vi avevo accennato che ero preso
Oltre che da alcuni problemi anche da uno
piccolo spettacolo teatrale
che ha visto la messa in scena sabato 31 marzo.
Che dirvi è stata un esperienza fantastica,
grazie a delle ottime registe che hanno saputo tirar fuori
da ognuna di noi i sentimenti, i movimenti,
i tono di voce, i volti,
più nascosti del nostro intimo.
Beh loro, le registe, sono delle bravissime
hanno una compagnia teatrale QUI E ORA
e attraverso un laboratorio stanno operando su noi
,comunissime mortali con lavori diversissimi
e per niente attrici, in maniera magistrale.
Ma ora passiamo alla ricetta
perfetta per il giorno di Pasqua con un
buon antipasto  a base di salumi.

DSC02286 copia.jpg
Ingredienti:
500 gr di farina 0
250/300 ml di acqua dipenda da quanta ne assorbe la farina
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di zucchero
2 cucchiaini di sale
1 bustina di lievito di birra secco
2 cucchiai di aghi di rosmarino tritato o di pesto di olive verdi
Procedimento:
ore 14
in una ciotola capiente versare la farina
e miscelarla con il lievito e lo zucchero
fare una fontana al centro e versare
i cucchiai di olio con un po dell’acqua
tiepida e cominciare a impastare.
Aggiungere il sale il rosmarino o il pesto di olive
e acqua sufficiente
ad ottenere un impasto morbido.
io di solito la utilizzo tutta.
 Lievitare per circa 90 minuti
in un posto tiepido.
Riprendere la pasta lavorala un poco
E far di nuovo lievitare per altri 90 minuti.
Riprendere la pasta stenderla
In una teglia rotonda di 30 cm di diametro
leggermente unta di olio,
senza lavorala mettere in superficie
 un filo di olio, le olive
e farla lievitare di nuovo
per altri 90 minuti.
Infornare a forno caldo modalità ventilato
a 200 gradi per 30 minuti,
o finche la superficie non è dorata
e i bordi si sono staccati dalla teglia.

DSC02281 copia.jpg
   La lavorazione è lunghetta ma è buonissima
e si conserva
Se avanza per un paio di giorno
Chiusa in un sacchetto per alimenti.
Ottima farcita con del salame!

alla prossima! Luisa

STOLLEN O QUARKSTOLLEN?

Avevo già visto questo dolci

gli anni scorsi. Poi quest’anno è stato riproposto

nella raccolta quanti modi di fare e rifare

ben riproposto da Ornella e amiche.

Capite che la voglia di provare questo dolce

è salita alle stelle, ma rifare una loro ricetta

non ne avevo voglia le loro interpretazioni

prevedevamo l’uso del lievito di birra o madre

che necessitano di lunghe lievitazioni

che io in questo periodo non potevo permettermi.

Così curiosando qua e là vidi la versione

Con lievito chimico qua e adottai

subito questa versione che naturalmente

ho riinterpretato con alcune variazioni copiate

da Ornella. Ne è uscito un dolce a mio parere

buonissimo, sono conscia che non è la

ricetta originale ma a me piace e ve la voglio

proporre. Io l’ho lasciato riposare

per 2 giorni e mangiato in una settimana

e devo affermare che è rimasto morbido,

anzi più i giorni passavano più

diventava buono.

 

ricotta, cedrini, cannella, cucina, dolci,uova, farina

 

Ingredienti

500 gr farina

1 bustina di lievito chimico

175 gr zucchero
1 bustina di zucchero (omesso)
sale qb
1 fiala di essenza di mandorle
5 cucchiai rum
1 cucchiaio cardamomo in polvere

1 cucchiaino di cannella in polvere

mezzo cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
uova grandi 2
burro 180 g
ricotta magra 250 g
uva passa 250 (zibibbo) (Messa 175gr)
uva passa 125 (corinto) (omessa)
150 g mandorle tritate
100 g cedrini a pezzettini

burro fuso 100 g (usato solo 50gr)
zucchero a velo 150 g( Usato solo 80 gr + 80gr di quello semolato)
Preparazione

Ammollatela l’uvetta nel rum, dopodiché mescolate

 tutti gli ingredienti esclusi gli ultimi 2.

Fate una specie di pagnotta di forma ovale

e disponetela sulla carta da forno.

Col matterello praticate un avvallamento

per il lungo (non so perché, ma è obbligatorio).
Cuocete un’ ora a 180 gradi in forno preriscaldato.

 Sfornate e spennellate bene col burro fuso usandolo tutto,

dopodiché spolverate con zucchero semolato e con lo zucchero a velo.

 Lasciate che si raffreddi, poi avvolgete in carta

di alluminio e lasciate riposare al fresco fino a natale.

I tedeschi lo mettono sul davanzale.

ricotta, cedrini, cannella, cucina, dolci,uova, farina

Avete già capito che a Natale non c’è anzi ci arriva

proprio, già mangiato e finito.

E’ un dolce buonissimo il mix di spezie

lo rende particolare e la crosticina

in superficie è divina.

Che dirvi…provatelo  non ve ne pentirete

In rete poi ci sono diverse ricette e di certe troverete

quella che più vi soddisfa…

Alla prossima Luisa